Sono poche le persone realmente convinte che il caffè non sia salutare (6%): è soprattutto vissuto come una bevanda che dona la carica: aiuta a stare svegli, a non addormentarsi (42%) e migliora la concentrazione e le prestazioni mentali (34%). E ancora, un italiano su tre gli attribuisce un positivo ruolo sociale: permette a molti Stati in via di sviluppo di avere un’economia più forte e di creare posti di lavoro.

E i medici cosa pensano del consumo del caffè? Gli intervistati affermano che solo un numero limitato di medici di base esprime consigli circa il consumo di caffè (il 13% su specifica richiesta del paziente); nella gran maggioranza dei casi, il medico di base invita i pazienti ad un consumo moderato della bevanda (3 tazzine al giorno), un ulteriore 10% ne concede fino a 4/5 al giorno e un altro 2% non pone alcun limite perché ritiene non ci sia alcuna controindicazione al consumo di caffè. Al contrario troviamo solo un 11% che ne sconsiglia l’assunzione per particolari condizioni di salute del paziente.

La caffeina da vicino

La caffeina è insapore, si percepisce solo un pizzico di amarezza.

Al microscopio appare in forma di cristalli prismatici lunghi, flessibili, dai contorni irregolari.

Si trova nel caffè, nel , nel verde, nel cioccolato, nelle bibite a base di cola, nel guaranà e nel mate, ricavato da arbusti originari del Sud America.

 

Potrebbe interessarti

miscele-primary

Le Miscele I fattori che concorrono a determinare la bontà di un caffè risultano dalla corretta combinazione, tra miscela, e macinazione, che deve e...

Read More

Le miscele

lapianta-primary

La pianta del caffè ArabicaLa prima specie utilizzata fu Coffea arabica, una pianta originaria dell'Etiopia, del Sudan sud-orientale e del Kenya se...

Read More

La pianta

origini-caffe-primary

Le Origini 500 D.C Esistono molte leggende sull'origine del caffè. La più conosciuta racconta del pastore chiamato Kaldi che scoprì i suoi effetti...

Read More

Le origini